Attività - Geopunto di Genna Luas - Apgs

Vai ai contenuti
attivita'
Geopunto di Genna Luas

Il Museo GeoPunto, nato con l’altisonante nome di “Museo della Storia e del Lavoro Minerario di Genna Luas”, fu edificato dall’ENI al momento di utilizzare il grande scavo a cielo aperto della miniera di Funtana Perda, poco distante dal cantiere minerario di Genna Luas e dell’omonimo monte. L’edificio, con la serie di pannelli che costituivano il materiale espositivo, è stato assegnato da alcuni anni in accomodato d’uso dal Comune di Iglesias all’Associazione per il Parco Geominerario, storico e ambientale della Sardegna.
E' stata allestita una collezione litologica, esposta su supporti girevoli, costituita da interessanti campioni di rocce sedimentarie, vulcaniche e metamorfiche, principalmente del Sulcis-Iglesiente; la loro descrizione è interrogabile su tablet, per guidare ad una facile osservazione anche un pubblico non esperto.

Una lunga serie di pannelli didattici presenta la storia geologica del territorio; una piccola biblioteca tematica di Geologia e Scienze Naturali, inserita in OPAC, completa la raccolta.
Un plastico della Sardegna in scala 1:100.000, in GaussBoaga Roma40, realizzato con una fresa guidata da computer, può essere illuminato con la proiezione di diverse carte tematiche, in modo da permettere osservazioni e discussioni affrontabili da scolari e/o specialisti delle varie discipline. Sono anche disponibili le vecchie Tavolette 1:25.000  di tutta la Sardegna.
Il Museo è stato realizzato inglobando l’argano del Pozzo Morra, parte  integrante della struttura museale, dove nel giardino botanico che lo circonda sono presenti anche grossi blocchi delle rocce che permettono di analizzare gli aspetti della vecchia miniera.










Powered By Website x5
copyright 2021
Torna ai contenuti